NOV 26, 2021

Robo for Advisor: La sofisticazione resa semplice

Michele Tanzi

Market Solution Director

Reading time: 2 min

OWINTALK | BEHIND BUSINESS, BEYOND NEWS

La pandemia da Covid-19 ha portato alla luce e progressivamente concretizzato un insieme di certezze che sembra non saranno soggette a mutamento nel prossimo futuro. Tra queste, la più incisiva si conferma essere un ricorso sempre maggiore ai canali digitali.

Nel mondo del banking, la trasformazione digitale ha inevitabilmente portato a cambiamenti radicali nel comportamento e nelle aspettative del cliente, ha spostato significativamente grandi volumi di transazioni verso l’online e ha virato l’interesse del cliente verso il coinvolgimento digitale. Secondo i dati forniti da CheBanca!, oltre il 96% dei clienti utilizza i canali digitali – app e internet banking – con una crescita annua del 8% con riferimento a chi utilizza il canale mobile.

Verso un percorso bi-direzionale full digital

Il cliente ha da sempre ricoperto un ruolo centrale nel mondo dell’Asset e Wealth Management.
Il punto è come renderlo davvero al centro dell’intera banca. A nostro avviso, per garantire il massimo ai clienti è necessario andare oltre, costruire un concetto di “bank as a service” che deve prevedere la digitalizzazione anche dei processi interni all’istituto.

Dal nostro osservatorio privilegiato abbiamo potuto osservare le molteplici eccellenze presenti all’interno delle banche dei nostri clienti e, al contempo, la difficoltà di rendere disponibili strumenti di integrazione e collaborazione digitali a tutti tali eccellenze al fine di rendere più efficace la loro comunicazione e i servizi ai clienti. E in questo modo di aprirsi “virtualmente” alla comunicazione con il cliente finale.

Questo obiettivo si traduce nella necessità di rendere il percorso full digital e bi-direzionale, facendo in modo che il flusso delle informazioni possa andare dalla banca verso il cliente e dal cliente verso la banca. Solo così la rete di consulenti potrà collaborare con le strutture centrali, potenziando le eccellenze interne dell’istituto e offrendo al cliente tutti i benefici di una realtà moderna e capace di fare consulenza. Il cliente diviene attore attivo perfettamente inglobato nell’organismo banca e può beneficiare di servizi a vero valore aggiunto.

A supporto di questa filosofia ci sono gli strumenti di Robo for Advisor che rendono semplice la sofisticazione e garantiscono ai consulenti finanziari scenari di analisi personalizzati su tutti i propri clienti, insieme ad idee, opportunità e proposte di investimento ad hoc sulla base dei reali bisogni e feedback del cliente finale.

Una soluzione simile consente di raccogliere informazioni dai diversi sistemi banca e le diverse strutture ma soprattutto gestisce il feedback del cliente integrandolo nelle esigenze dello stesso per continuare a migliorare il supporto personalizzato. E al contempo risolve in tempi rapidi compiti ripetitivi e complessi garantendo al consulente la possibilità di concentrarsi sulla gestione della relazione.

Queste le tematiche di cui si è parlato all’evento Wealth Management Forum promosso da ABI Eventi il 25 novembre 2021 che ha visto protagonisti Objectway insieme a CheBanca! in una presentazione congiunta, con uno stimolante approfondimento sulle ultime novità in merito.

RELATED POST