APRIL 13, 2021

Efficienza Operativa nella Gestione degli Investimenti Alternativi

Michele Tanzi

Market Solution Director

Paolo Orlandi

Head of Business Development

Reading time: 2 min

OWINTALK | BEHIND BUSINESS, BEYOND NEWS

Secondo una ricerca di Prequin-Amundi, a fine 2019 l’industria degli investimenti alternativi in Europa ammontava ad oltre 2.000 miliardi di euro di AUM, mantenendosi sostanzialmente sugli stessi livelli a fine 2020, nonostante la pandemia Covid-19.
In Italia, si è assistito ad un crescente interesse verso questa tipologia di asset class, sia in termini di controvalore complessivo che di numerosità degli operatori.
Per il nostro Paese questo trend è particolarmente importante, se si considera il nostro tessuto economico produttivo composto per la stragrande maggioranza da piccole e medie imprese alla costante ricerca di nuove forme di finanziamento e la presenza di un elevato stock di risparmio di fonte privata (4.445 mld di euro a fine 2019, secondo Consob) e istituzionale, fortemente interessato a forme di diversificazione alternative di portafoglio.

A livello pratico questo si traduce in una crescita del numero di operatori e di iniziative volte a convogliare una parte dei risparmi privati e istituzionali verso la cosiddetta economia reale, tramite veicoli specializzati (FIA Privati, ELTIF, etc) e agevolati fiscalmente, promossi e istituiti sia da SGR dedicate che da operatori tradizionali pronti ad allargare il loro perimetro operativo a questa tipologia di attività.
La riduzione del rendimento delle asset class tradizionali spinge i gestori di portafoglio ad introdurre nuove strategie di gestione e a strutturare un’offerta basata su strumenti alternativi anche per il mercato mass affluent.
E’ evidente quindi la necessità da parte dei gestori di allargare le soluzioni offerte ai propri clienti e di coprire un target di clientela sempre più grande e variegato.

Il comune denominatore di queste iniziative è la ricerca di un’elevata efficienza operativa nel completo rispetto dei vincoli normativi di riferimento, attraverso l’affidamento a operatori qualificati e leader di mercato nelle rispettive aree di riferimento, dei processi vitali di operations, calcolo NAV, risk management e valuations.
La necessità di realizzare anche soluzioni tailor-made su uno o più specifici ambiti degli investimenti alternativi comporta evidentemente la ricerca di piattaforme fortemente configurabili e aperte per consentire una rapida intergrazioni di fonti terze e un colloquio agile con gli enti regolatori e di controllo.
E’ sulla base di queste esigenze che è importante poter contare su una soluzione end-to-end integrate e di alto livello che agevoli lo scambio dei flussi operativi e di analisi a favore di tutti gli stakeholders.
Siamo certi di aver già solleticato abbastanza la vostra fantasia, vi promettiamo quindi di parlarvi al più presto di questa soluzione, in uno dei prossimi articoli.

RELATED POST